Metodi differenti di denuncia sociale

Professioni e diritti umani, strumenti differenti di denuncia sociale

Sono molti i progetti di cooperazione allo sviluppo senza un effettivo riscontro nella realtà, molte le organizzazioni no profit che non denunciano le violazioni e si dedicano solo a una carità che altro non fa che perpetuare il sistema. Mi domando sempre quale sia il miglior modo di utilizzare gli strumenti che possiedo per la mia lotta – utopica, per molte persone – per un mondo migliore. Ho appena scoperto sul web un fotografo, James Mollison, che probabilmente ha rimuginato su ciò che ho appena descritto. Nel caso concreto, la sua riflessione si è incentrata sull’importanza di salvaguardare i diritti dei bambini e dell’infanzia.

A partire da tale problema, ha creato Where Children Sleep (Dove dormono i bambini), una collezione di storie di bambini provenienti da ogni parte del mondo raccontate attraverso primi piani e fotografie delle loro stanze da letto. Il fotografo, nato in Kenya e cresciuto nel Regno Unito, plasma con questa serie di immagini le complesse vicissitudini e i problemi sociali che attanagliano i soggetti in questione.

Where the children sleep

Abbiamo bisogno di nuove idee e di nuove forme per far sì che le persone aprano gli occhi sulle tematiche quali la vulnerazione dei diritti umani o le diverse situazioni o conflitti che esistono nel mondo; dal mio punto di vista è dimostrato empiricamente che le metodologie degli organismi e delle attuali associazioni che si dedicano a ciò, nonostante ottengano discreti risultati,  producono effetti molto lentamente e hanno un grande bisogno di aiuto. È per questo motivo che mi è sembrato interessante condividere con voi tale iniziativa, che ci induce a riflettere su di un segmento della popolazione terribilmente colpito dai cambi repentini e dai capricci degli adulti e, contemporaneamente, sulle distinte forme e strumenti con cui possiamo agire e denunciare.

Nerea

Advertisements

One response to “Metodi differenti di denuncia sociale

  1. Pingback: #Cuba #libera (#?) | Cassandra Errante·

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s