Santiago Atitlan

Santiago Atitlán, a non so quanti metri sul livello del mare , sicuramente più di 1200, altopiano guatemalese. La prima volta che arrivai in questo paesino maya tz’tujil pensaii: e che ci faccio io qui? Dopo aver letto, lavorato ed ascoltato, il mio udito ha iniziato a familiarizzare con le impronunciabili consonanti, gli occhi con questi inaspettati colori, il  mio naso con gli odori di caffè e mais.
Sono passati mesi ed ho iniziato a scoprire come le rughe che solcano il viso di queste persone portano dentro una storia che avrebbe ucciso chiunque.

Storie di invasione, conquista, sfruttamento, guerre, ormente, euragani, violenze, genocidi ed io, spettatrice non pagante sono qui ci ho vissuto quasi due anni. Mi ha cambiato la vita, mi ha insegnato a calpestare la terra e a chiedere permesso agli alberi, mi ha insegnato ad “ascoltare” i sogni, ad aspettare, a non correre, a rispettare chi non conosco ed abbracciarl* alla stregua di un fratello o di una sorella.  A rispondere alla domanda:  come stai?,  con la verità ed ascoltare la risposta di chi ha deciso di fermarsi a parlare con me. Ad aspettare il tramonto Xa qak’exoon qii’, xa qajaloon qii (un ciclo vitale, dove tutto muore e tutto rinasce), ogni giorno, per ringraziare la Madre Tierra di esser viva. Sì, si ringrazia la Madre Tierra e non l’umanità, che solo è l’estensione ed espressione della Madre Tierra, perché le persone non sono il centro della realtà.

Guatemala, por Enrica
Al ritorno nel vecchio continente, ho sempre un po’ di difficoltà a spiegare che cosa faccio, come vivo, cosa faccio durante le mie giornate, chi sono i/le miei/e compagn* di viaggio e come tutto ciò mi ha cambiato. Vediamo se qui ci riesco, queste sono le uniche cose che son venute fuori dalle mie dita. Questo blog lo vedo come una sfida, uno scambio, un perché e un perchecosa.
Quindi, per adesso, alla prossima car*.

Enrica Colazzo

Foto: Enrica

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s